I PADRI COSTITUENTI DELL’ARTICOLO 11

Giuseppe Dossetti

“Non esiste un modo onorevole di uccidere, né un modo gentile di distruggere. Non c’è niente di buono nella guerra, eccetto la sua fine”.

Giuseppe Dossetti nasce a Genova il 13 febbraio 1913, cresce in Emilia Romagna e vi resta fino al raggiungimento della laurea in giurisprudenza a Bologna per poi trasferirsi a Milano per continuare gli studi presso la Cattolica. Lo scoppio della guerra e il definitivo decadimento del regime non lo lascia indifferente, al contrario, Dossetti, che si definisce un “irriducibile antifascista”, torna in Emilia e prende parte alla lotta partigiana. Pur non essendo comunista e rifiutandosi di imbracciare le armi, diventa presidente del Comitato di Liberazione Nazionale di Reggio. La politica lo conquista. Al termine delle ostilità, diventa vicesegretario della Democrazia Cristiana di Alcide De Gasperi e partecipa all’Assemblea Costituente. Dossetti è appassionato, parla di “democrazia sostanziale”, sviluppa uno sguardo attento agli strati più deboli e penalizzati della comunità. Alle elezioni del ‘48 decide di non candidarsi, ma le pressioni di papa Pio XII e del cardinale Montini gli fanno cambiare idea. Una volta eletto, prosegue in Parlamento le sue battaglie: ha un approccio radicale, fondato sull’ideale evangelico. Dinanzi all’impraticabilità della sua proposta e al contrasto con il segretario De Gasperi, politico esperto e pragmatico, nel 1951 si dimette dalla DC, dal Parlamento e dalla vita politica attiva. Torna a Bologna, dove, stimolato dal cardinale Giacomo Lercaro, fonda un centro di studi teologico. Dossetti pensa a un rinnovamento profondo della Chiesa, a un’apertura, attenta e rispettosa, nei confronti della “mondità”. La Piccola Famiglia dell’Annunziata, fondata nel 1956 sulla regola del “silenzio, preghiera, lavoro e povertà”, risponde proprio a questo fine. Già terziario francescano, nel 1959 è nominato sacerdote e, in veste di collaboratore di Lercaro, prende parte al Concilio Vaticano II. La comunità monastica, intanto, cresce, si espande, arriva fino in Terra Santa. Giorno dopo giorno diventa il centro della sua esistenza. In seguito alla rimozione di Lercaro, troppo vicino ai comunisti bolognesi, Dossetti si ritira dalla vita pubblica. Negli ultimi anni, sceglie il silenzio. Si fa sentire solo per difendere la Costituzione e i valori che l’hanno promossa. Si spegne il 15 dicembre 1996. In seguito alla rimozione di Lercaro, Dossetti si ritira dalla vita pubblica decidendo così di restare in silenzio gli ultimi anni della sua vita, rispondendo solo per difendere la Costituzione e i valori che l’hanno promossa. Si spegne il 15 dicembre 1996.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: